Notizie

L’iter burocratico per il rimpatrio dei defunti Italia

Per fare richiesta di rimpatrio dei defunti d’Italia, occorre seguire un determinato iter burocratico disciplinato sia da norme vigenti nel nostro ordinamento giuridico sia da disposizioni contenute in appositi accordi internazionali. Come prima cosa, è necessario, entro 24 ore dal decesso, presentare la denuncia di morte.

Tale obbligo può essere adempiuto da familiare o da un incaricato presso l’ufficio di stato civile del Comune in cui è avvenuto il decesso. Poi, bisognerà chiedere il rilascio del decreto di autorizzazione al trasporto. La documentazione necessaria, per percorrere l’articolato iter burocratico che consente il rimpatrio dei defunti Roma, è pressappoco la sottostante:

– certificato di morte rilasciato dal medico curante o di una struttura sanitaria pubblica, in cui vengono indicate le cause del decesso;

– certificato rilasciato dall’ufficio di stato civile del Comune in cui si è verificato il decesso;

– l’autorizzazione per consentire il rimpatrio della salma;

– il verbale redatto dall’Asl competente per territorio al fine di certificare la chiusura e la sigillatura della bara;

– in nullaosta emanato dall’ambasciata o dal consolato del paese d’origine del defunto;

– in nullaosta rilasciato dalla Procura della Repubblica, qualora si tratti di decesso per cause non naturali.

– due marche da bollo da €14,62.

Al Sindaco del Comune in cui risiede il defunto devono essere presentati due certificati di morte che vengono rilasciati dall’ufficio dello Stato Civile dal Comune, il certificato medico nel quale vengono esplicitate in maniera dettagliata le cause del decesso e che escluda, come causa del decesso, la malattia infettiva.

A questa documentazione, va allegato anche il verbale emesso dall’Asl competente che certifica la chiusura sigillatura della bara, oltre che il nullaosta rilasciato dalle autorità consolare straniera dello Stato di appartenenza del defunto, stanziata nel territorio italiano, nonché il nullaosta emesso dal Procuratore della Repubblica, se si tratta di decesso avvenuto per cause non naturali, come per esempio la morte per omicidio o un incidente stradale o sul lavoro.

Il rimpatrio dei defunti Romania può essere richiesto compilando l’apposito modulo che deve essere presentato al sindaco del comune di residenza del defunto. Questo vale anche nel caso in cui si voglia effettuare un rimpatrio dei defunti Romania delle sole ceneri. In quest’ultima ipotesi, il trasporto può avvenire solamente utilizzando un mezzo privato senza l’ausilio di mezzi messi a disposizione dall’agenzia funebre.